Pagine

Lettori fissi

Seguimi su bloglovin

Follow on Bloglovin

AVVISO

" Le opinioni espresse in questo blog sono assolutamente personali. I contenuti dei post non sono utilizzabili per altri scopi, se non previa autorizzazione del proprietario del blog. "

Grazie dell'attenzione, Tullia.

Translate

domenica 29 agosto 2010

Parcheggi…

In questi giorni è accaduta una cosa strana, anzi forse meglio dire insolita…

Premetto che abito in una zona industriale dove ci sono circa un centinaio di parcheggi ( logicamente date le varie attività presenti ) e dove sono presenti un numero, secondo me , sufficienti di parcheggi per disabili. Mi spiego meglio: su tre vie di circa 200 mt in media l’una ci sono almeno 4 parcheggi riservati ai disabili, e considerando che sono attività artigianali e non abitazioni, credo, nella mia ignoranza sempre, che siano un buon numero ( se mi sbaglio ditelo, non mi offendo).

Bene detto questo, l’altro giorno noto una ditta che sta’ rifacendo la segnaletica orizzontale dei parcheggi normali e… passando ho notato che hanno creato altri due parcheggi per disabili!!!!

Lode a chi li ha richiesti… mi auguro il comune… ma allora mi sorge una domanda spontanea: perché davanti ad una scuola, accanto alla quale è presente un centro per disabili, i parcheggi li abbiamo dovuti richiedere noi genitori alla polizia locale?

Non entro nel merito delle competenze perché, sinceramente, non ne so’ molto, ma credevo che almeno davanti alle scuole fosse utile programmarne almeno uno, dato che , in un comune grande come il nostro, c’è la possibilità di avere bambini disabili …

Forse, causa la mia ignoranza, non ho mai nemmeno avuto la prontezza di farne richiesta davanti all’asilo, dato che nemmeno lì sono presenti. Era piccola e me la portavo sempre in braccio, ma quando ha avuto i gessi ad entrambe le gambe, la mia cucciola era abbastanza pesante e la mia ernia ne ha risentito parecchio ( ah già inoltre ha piovuto quasi tutti i giorni in quel periodo, perciò vi lascio immaginare con l’ombrello e lei in braccio ). A volte la non conoscenza delle possibilità ti porta ad agire nel modo sbagliato.

Se un domani dovesse arrivare un bambino disabile con la necessità di avere parcheggio vicino all’entrata, i suoi genitori dovranno richiederlo, anziché trovarlo come dovrebbe essere.

Ma come al solito questa è un’altra storia…

… Io, dalla mia posso solo ringraziare colei che mi ha fornito tutte le informazioni di cui avevo bisogno, la mamma che ha fatto richiesta del primo parcheggio davanti alla scuola, che ne ha passate davvero tante per poterlo ottenere, quando era già inverno e ghiacciava già!!!!

Grazie Maria…

2 commenti:

LaBruja ha detto...

Quante ingiustizie...sconfortante davvero.
Basterebbe così poco perchè tutti avessero quello di cui hanno diritto.
Mah!
Ciao

tully ha detto...

Magari la pensassero tutti come te...Purtroppo non è sempre come si vorrebbe, ma se qualcuno inizia ad alzare la voce forse ti ascoltano...