Pagine

Lettori fissi

Seguimi su bloglovin

Follow on Bloglovin

AVVISO

" Le opinioni espresse in questo blog sono assolutamente personali. I contenuti dei post non sono utilizzabili per altri scopi, se non previa autorizzazione del proprietario del blog. "

Grazie dell'attenzione, Tullia.

Translate

giovedì 29 luglio 2010

Incredibile, ma vero!

Ieri sera stavo navigando qua e là in internet cercando notizie di qualcosa accaduto nelle vicinanze della mia abitazione, e mi imbatto in una notizia che mi ha fatto rabbrividire:

http://www.bresciaoggi.it/stories/Provincia/170501__mia_figlia_bocciata_perch_disabile/

Mi sono sentita nei panni di quella mamma, che impotente ha visto naufragare i sogni della figlia, solo perché portatrice di una piccola disabilità motoria.

Veramente, dove stiamo andando a finire? Dov’è l’integrazione di cui tanto si parla nella scuola? Se basta il fatto che una ragazza non riesca a camminare bene a farla bocciare, non oso immaginare cosa possa accadere a chi ha disabilità più gravi!

E’ stato come vedere il futuro di mia figlia. Non bastano già le mie preoccupazioni, ci manca pure la scuola che fa le sue c…..e!

Finora sono stata fortunata con le insegnanti di mia figlia, non avrei potuto desiderare di meglio. Il fatto che lei porti i tutori e che fatichi durante l’ora di motoria, non le ha mai impedito di essere portata alle  gite che sono state programmate.

Anche perché oltretutto a lei fa bene camminare… a modo suo vuole fare tutto quello che fanno gli altri, perché negarle questa possibilità!

Spero solo che questo momento non sia solo un idillio momentaneo, ma che  quando sarà ora di cambiare scuola e iniziare le medie, trovi la stessa disponibilità da parte degli insegnanti, che ha trovato alle elementari ( scuola primaria… acc proprio non mi entra in testa ).

Ha faticato tanto per arrivare al punto di riuscire a correre saltare e giocare con le sue amiche, che sentirsi prendere in giro così sarebbe come distruggere tutti i suoi progressi. E allora sì che ci si troverebbe di fronte a una bambina disabile al 100% , ma non solo dal punto di vista motorio, anche da quello morale.

Pensare che lei è ha già fatto il suo programma di cosa le piacerebbe fare da grande, e sapere che ci potrà essere qualcuno le tarperà le ali, mi fa  arrabbiare da morire.

 

Immag008

Per capirci, venti giorni con i gessi di allungamento ad entrambe le gambe, mi piacerebbe farli provare a quei simpaticoni che non accettano l’integrazione. E venti giorni sono ancora pochi, c’è chi li porta per quaranta giorni!!!!!

Come fai a dire a una faccina come questa che non potrà fare ciò che sogna?

IMPOSSIBILE!!!!!!!!!!!

4 commenti:

Nina - graficapura ha detto...

che dolce!!!! da mangiarsela!
Che dire.. camminare bene, male o con le rotelle non dovrebbe essere in alcun modo un problema!
La cosa che mi fa inc...e veramente è che si tratta di persone che hanno un compito educativo.. e che educazione danno? dicono chiaramente ai normodotati che quelli diversi vanno lasciati indietro, da parte!
Tullia è questo il nostro compito, come genitori. Sicuramente non è stata solo fortuna il percorso di Elena fino ad ora.. ha sempre avuto forti genitori vicini.

tullia ha detto...

hai ragione ... quello che mi spaventa di più è il fatto che spesso si nascondono dietro a giustificazioni tanto subdole che ti fanno passare da str... se vai contro di loro.

Fabio ha detto...

Questo rimarca la totale ipocrisia delle istituzioni, sull'integrazione dei bambini disabili.Quando gli porgi in braccio tuo figlio per fare la foto (che sanno già finire su testate importanti), tutto un sorriso e davanti ad un ottima organizzazione come la onlus USDS, inevitabili promesse.
Siamo alle solite, w i bloggers ma anche chi ha la faccia di riportare di persona.
Ciao

Anonimo ha detto...

Che commento si puo' fare ad un'articolo del genere?
Concordo con quello che avete gia' detto voi ma soprattutto con quello che ha detto mister Fabio, tutti pronti a fare una foto con in braccio i nostri figli esibendoli quasi fossero un trofeo solo perche' sanno che andranno su qualche testata di giornale piu' o meno importanti. VERGOGNA
katia